Usare il miele al posto dello zucchero

Usare il miele al posto dello zucchero
L'uso del miele al posto dello zucchero è una scelta sana, a favore di un prodotto naturale e che porta tanti benefici.
Devi sapere che il potere dolcificante del miele è superiore di circa una vota e mezza a quello dello zucchero bianco, che solitamente si usa nel latte, nel caffè, nelle tisane e per dolcificare alte bevande.
È quindi un modo per usarne una minore quantità che fa bene anche alla linea.
In 100 g di miele ci sono circa 300 calorie e questo significa che è indicato anche nelle diete dimagranti al posto dello zucchero semolato, che può arrivare a oltre 450 g a parità di quantità.
Uno dei motivi per cui dovresti sostituire il miele allo zucchero non è solo il fatto che sia un prodotto estremamente naturale e genuino, ma anche perché aiuta la digestione. Il miele è, infatti, il prodotto della digerito delle api, per cui non ha bisogno di un processo particolarmente lungo o elaborato per essere assorbito dall'organismo.
A differenza dello zucchero il miele dolcificante rende subito disponibile l'energia nel caso di un impegno agonistico o quando è necessario riprendere le forze. È ottimo quando viene assunto da chi ha un fisico debilitato, perché è un vero toccasana per recuperare vigore.
Se vuoi contrastare la fame usa il miele come dolcificante nella tua prima colazione, perché gli zuccheri che contiene, che arrivano direttamente dal nettare dei fiori (fruttosio), sono a lento rilascio, per cui il picco di abbassamento della glicemia viene ritardato.
I morsi della fame si faranno sentire più in la rispetto ad altri tipi di zuccheri e questo permetterà di mangiare di meno e con una certa regolarità.

Come e quando usare il miele in cucina
Il miele dolcificante è ottimo anche per le preparazioni dei dolci da forno ed è utilizzato perché si mantengono più a lungo. La sua componente di umidità, la densità e le sue proprietà rendono i dolci soffici per più tempo, rispetto all'uso dello zucchero. Per tale motivo puoi aggiungerlo per avere un ottimo sapore e una durata maggiore.
Il miele millefiori insieme al miele d'acacia sono quelli più utilizzati e apprezzati in cucina, perché hanno un alto potere dolcificante.
Se devi preparare un dolce da forno, come il pan di Spagna o la base per una torta, ricorda che con l'uso del miele devi diminuire la componente liquida della ricetta. Se, per esempio, devi aggiungere 200 ml di latte, diminuisci questa quantità del 20%, in quanto l'idratazione del dolce è garantita da questo prodotto naturale dalle mille qualità.
Riguardo alle quantità con cui regolarsi per l'uso del miele al posto dello zucchero, considera che devi diminuirle anche in questo caso del 20%.
A titolo esemplificativo, se nella ricetta bisogna aggiungere 200 g di zucchero, allora considera 160 g di miele.
Pesare il miele, però, non è un'operazione semplice, quindi il consiglio è quello di farlo considerando il peso di un cucchiaio che è di circa 18-20 g.
L'uso del miele dolcificante per i dolci da forno è leggermente diverso rispetto allo zucchero in fase di cottura.
La temperatura deve essere tenuta più bassa rispetto al normale di almeno 20° (da 180° a 160° nella maggior parte dei casi) e il tempo di cottura prolungato di circa 10 minuti. Il motivo è che il miele caramella ad alte temperature e il colore del dolce potrebbe essere troppo scuro, oltre che assumere un sapore leggermente diverso.
Il miele stesso aiuterà la lievitazione, per cui è bene diminuire in piccola parte anche la quantità dello stesso lievito.
In ogni caso ne guadagna l'aroma e il profumo che ai dolci conferisce il miele millefiori o quello di acacia, che è uno tra i più dolci disponibili.

Il miele per un sapore agrodolce
Il miele si usa per ottenere un sapore agrodolce anche per la preparazione di piatti salati e, al posto del miele di acacia o millefiori, è consigliabile quello di castagno, che è più amaro e con un sapore persistente che esalta qualsiasi piatto di carne o pesce, sia in padella che al forno.

Comments

Leave your comment

* Required field

Captcha
navigation