Miele Toscano, un prodotto speciale

La Toscana è uno dei produttori più raffinati di miele di diversi tipi, che arriva sia dalle api che dai fiori, fino agli alberi di castagno e all'erba. Le campagne toscane sono l'habitat ideale per gli allevamenti delle api, che trovano distese di fiori da dove prelevare il nettare.

Il miele toscano
Forse non sei al corrente che la Toscana è uno dei produttori più raffinati di miele di diversi tipi, che arriva dai fiori, fino agli alberi di castagno.. Le campagne toscane sono l'habitat ideale per gli allevamenti delle api, che trovano distese di fiori da dove prelevare il nettare, che poi si trasformerà nel gustoso prodotto del tutto naturale. In molti lo adorano per suo sapore e per le proprietà organolettiche di primo livello.

Terre toscane e i vari tipi di miele
Devi sapere che la produzione di miele toscano ha una lunga storia che risale all'epoca degli etruschi, popolo misterioso ma laborioso, esattamente come le api.
Da allora in tutta la regione l'arte dell'apicoltura, ma anche dell'estrazione del miele direttamente dai fiori o dalle piante, è diventata una vera eccellenza dei prodotti toscani, tanto che quelli di castagno e di acacia della Lunigiana hanno ottenuto il riconoscimento DOP.
Si tratta di un marchio che inorgoglisce i produttori e il loro impegno sulle stesse terre toscane.
La collocazione degli alveari è studiata perché sia situata in contesti naturali incontaminati, lontani da fonti di inquinamento e dove le api possano cogliere il nettare più genuino.
Da quello dipende il sapore del miele e il gusto che si può apprezzare nei vari utilizzi di questo prodotto
Le terre di Toscana sono in buona parte interessati dall'apicoltura, e in particolare la provincia di Grosseto, la valle dell'Ombrone, Siena, Arezzo, il monte Amiata e molte altre zone, che offrono una varietà incredibile di miele.
Quello più apprezzato e meglio conosciuto è il miele di acacia, di colore molto chiaro e con sapore dolcissimo e assai delicato.
Tra quelli più famosi c'è , invece, il miele di castagno che si produce in Versilia e sull'Amiata, dal tipico colore ambrato scuro e dal gusto che non ti aspetti, perché tende all'amaro.
Non manca il più classico, che è quello "millefiori" prodotto in Valdelsa. Assume diverse colorazioni, che vanno da quelle chiare a quelle sul marrone.
Altri tipi di miele toscano poco noti, ma che nelle terre toscane sono molto ricercati, riguardano il miele marruca o quello popone, che racchiudono nei loro barattoli di vetro tutto il profumo della valle dell'Ombrone, tra macchia mediterranea e frutti maturi.
In particolare il miele popone si usa per l'accostamento ad altri prodotti toscani tipici e molto apprezzati della gastronomia toscana, come i formaggi caprini stagionati.
Altri tipi di miele toscano sono prodotti a partire dall'erba come "la sulla", che è dolce e agro nello stesso tempo, oppure quello ambrato che deriva dall'erba medica, con un sapore e un profumo che riportano alla mente l'odore del fieno e dell'erba fresca appena tagliata.
Tra i mieli toscani dal gusto molto particolare c'è quello ottenuto dal corbezzolo, che assume un colore sul verde ed è tutto il contrario di un prodotto tradizionalmente dolce. Il suo sapore infatti è aspro e amaro e a molti piace usarlo come condimento di insalate di verdura e, ancora una volta, per i formaggi.

Il miele toscano di qualità superiore
La qualità del miele toscano rispetto ad altre zone è superiore per una serie di coincidenze e situazioni favorevoli relative al territorio. Quest'ultimo offre una grande varietà di fiori che per buona parte dell'anno forniscono la materia prima alle api.
Per ottenere un solo chilogrammo di miele è necessario che ogni ape svolazzi di fiore in fiore per almeno 150 mila km. Nello stesso tempo i benefici per l'ambiente si possono ammirare con la natura rigogliosa per la quale la Toscana è famosa.
Più fiori ci sono, maggiore è la produzione di miele annua, che non è mai uguale a se stessa, perché la scelta dei fiori è molto varia.

Comments

Leave your comment

* Required field

Captcha
navigation